Cose Da Fare In Carolina Del Nord: Greensboro Historical Museum

Situato nel cuore del centro di Greensboro, nella Carolina del Nord, il Greensboro Historical Museum è un ottimo modo per trascorrere un pomeriggio in città. Dall'altra parte della strada dal Greensboro Children's Museum e in fondo al Center City Park, il Museo storico fa parte di un complesso di attrazioni. Il museo si estende su 17,000 piedi quadrati di mostre permanenti e di breve durata, celebrando la storia dell'area piemontese della Carolina del Nord, concentrandosi su Greensboro e Guilford County.

L'edificio principale del Museo è uno dei più antichi di Greensboro, che si trova da più di un secolo, e incarna la storia stessa, essendo stata originariamente una prima chiesa presbiteriana. Fondata in 1924 da un gruppo di volontari, la visione del Greensboro Historical Museum è quella di essere un'istituzione comunitaria vibrante, visibile e apprezzata.

Le collezioni del museo evidenziano il ruolo della città nella storia dell'America, raccontando storie personali di personaggi di spicco della zona. Tali individui includono il noto autore O. Henry, la First Lady Dolly Madison, l'educatore Charles Henry Moore, così come i nativi americani, gli afroamericani, i quaccheri e molti altri che hanno vissuto la storia della città. I visitatori possono anche conoscere il ruolo della città e della contea nell'era coloniale, nella guerra civile e nel movimento per i diritti civili.

1. esposizioni


Il Museo storico di Greensboro vanta numerosi reperti nella sua collezione permanente volta a raggiungere un picco di immaginazione e senso di nostalgia. Raccontare la storia della zona in modi insoliti e provocatori, il Museo accompagna i visitatori in un viaggio di ricordo ed educazione. Le raccolte e gli archivi documentano la storia, le vite e le lezioni degli abitanti del Piemonte, della Carolina del Nord, dell'altopiano tra i monti Appalachi e la pianura costiera atlantica.

Benvenuti a Gate City

Esplora la storia dietro il soprannome della città, in questa mostra permanente al Museo. Portando i visitatori attraverso la vita nei primi 1900, questa mostra interattiva e immersiva sembra tornare indietro nel tempo. Evidenziando il periodo in cui la ferrovia che attraversava Greensboro era la porta di accesso al resto del paese, Welcome to Gate City consente agli ospiti di vivere com'era la vita in quel periodo.

Armi da fuoco confederate Murphy

Concentrandosi su un aspetto specifico della guerra civile, la mostra sulle armi da fuoco confederate Murphy esplora le armi distintive e uniche di quel tempo. Con oltre 150 esempi di armi lunghe, questa robusta mostra mette in mostra le armi di tutti i principali arsenali confederati. La mostra è completata da dipinti contemporanei e altri oggetti d'antiquariato e manufatti della guerra civile, che raccontano la storia della guerra attraverso gli strumenti utilizzati per realizzarla.

Sala delle miniature di Zenke

Il decoratore e designer Otto Zenke, nato a 1904, ha sviluppato una passione per 18th interni inglesi del secolo. Ha trasformato questa passione in qualcosa di più di un semplice hobby; ha creato capolavori in miniatura. Durante la sua vita, ha costruito stanze in miniatura 14, 12 delle quali sono state donate al Greensboro Historical Museum. Il museo ruota quali sale sono esposte, ma in genere tre possono essere viste in qualsiasi momento. Zenke si è trasferito a Greensboro negli 1930, dove è stato capo decoratore di un'azienda locale di mobili attraverso gli 1940. Le sue stanze in miniatura, che sono ancora più piccole della maggior parte, sono state esposte a New York e in altre città americane.

Voci di una città

Evidenziando più di 300 anni di storia locale, Voice of a City riflette su cosa direbbe una città se potesse raccontare la sua storia. Da oggetti ordinari come un fucile dalla battaglia per l'indipendenza, al manuale di un assistente di volo dallo schianto del volo 93 della United Airlines il settembre 11, 2001, questa mostra accompagna i visitatori attraverso la storia in modi insoliti. La mostra è suddivisa in generazioni di storia locale, guidando i visitatori in un viaggio nel tempo.

2. Paese ammaliante: la vita prima di 1808


Estendendosi molto indietro nell'era della Guerra Rivoluzionaria e prima, questi display introducono la migrazione degli europei nel backcountry della Carolina, con le sue fitte foreste e la sua terra abbondante. La mostra educa anche gli ospiti sulle tribù di nativi americani della zona e la loro interazione con l'afflusso di migranti europei.

Early Greensboro: 1808-1890

I display di questa mostra accompagnano gli ospiti attraverso la fondazione di Greensboro in 1808. La città fu chiamata per il generale della guerra rivoluzionaria, Nathanael Greene. A quel tempo, la comunità era composta da case modeste, con l'atmosfera di un villaggio.

Servizio e sacrificio: 1812 e On

Questa mostra accompagna gli ospiti in un viaggio attraverso guerre che hanno imperversato negli ultimi due secoli, mettendo in evidenza i residenti di Greensboro e il suo posto nella storia del tempo di guerra. Ciò include la guerra di 1812, la guerra messicano-americana, la guerra ispano-americana, la prima e la seconda guerra mondiale, la guerra di Corea, la guerra del Vietnam, la prima guerra del Golfo e le guerre in Afghanistan e Iraq.

Dibattito sulla libertà: 1800-1890

La lotta e il conflitto della guerra civile furono incarnati nel tumulto di Greensboro, animato da questa mostra. Una volta a favore del sindacato, il dibattito sulla schiavitù ha creato un abisso in città, con alcuni residenti che sostenevano quello che consideravano un diritto alla schiavitù ordinato dalla Bibbia, e molti altri che sostenevano la libertà degli schiavi. Quando la Carolina del Nord si staccò dall'Unione in 1861, gettò Greensboro direttamente nella Confederazione e la lunga guerra che ci aspettava.

Capitale denim: 1891-1945

La storia della produzione tessile e l'abbondanza di cotone nel sud hanno reso il denim una scelta naturale per l'industria di Greensboro. La città ha costruito questa produzione, creando posti di lavoro e successo nella regione. Durante la seconda guerra mondiale, i mulini dovevano essere messi in servizio nello sforzo bellico.

Tempi di cambio: 1946-1979

L'era del dopoguerra a Greensboro ha portato i residenti in un'era di identità mutevole, ciò che la città era, è, potrebbe e dovrebbe essere. Ciò includeva crescenti conflitti e disordini riguardo alla segregazione, dalle strade ai campus universitari. Questa mostra dà uno sguardo più da vicino a questo momento di cambiamento per la città durante il Movimento per i diritti civili.

Oggi Gate City: 1980- presente

Questa fase finale della mostra Voices of a City esamina la natura di Greensboro dagli ultimi anni 30 e nel futuro. Dall'atmosfera di una piccola città alla storia in continua evoluzione che definisce la città, Today's Gate City Exhibit cerca di guardare ad un futuro luminoso riconoscendo le sfide del passato.

3. Modifica di mostre ed eventi


Oltre alle mostre permanenti presso il Museo storico di Greensboro, ci sono molte mostre temporanee per i visitatori. Questi variano notevolmente da Meraviglie di tessitura con fili storici, a The Emancipation Proclamation, a Down Home - Vita ebraica a Greensboro, solo per dare alcuni esempi di mostre passate. Queste mostre varie e provocatorie completano e arricchiscono le mostre permanenti del Museo. Inoltre, il Museo ospita decine di eventi durante tutto l'anno. Questi includono produzioni periodiche di opere teatrali di O. Henry, feste in giardino e feste natalizie. Questi eventi interattivi danno vita alla storia della zona.

Il complesso museale del campus

Oltre al museo stesso, la posizione del campus comprende diversi altri centri storici. Lo storico primo cimitero presbiteriano completamente restaurato ospita l'ultimo luogo di riposo per i veterani delle guerre civili e rivoluzionarie, con le tombe più antiche risalenti a 1831. I sentieri fiancheggiati da pietre e il giardino offrono un luogo tranquillo per riflettere sul passato. Il cimitero è accessibile attraverso il negozio di articoli da regalo del Museo.

Accanto al museo si trova il Mary Lynn Richardson Park e gli edifici storici, dove i visitatori possono passeggiare su tortuose passerelle e godersi l'esperienza museale all'esterno tra le sculture all'aperto. Altre attrazioni del campus del Museo includono la Francis McNairy House, che espone mobili e decorazioni dei tardi 1700 e dei primi 1820. I negozi Hockette Blacksmith e Woodworking sono aperti anche a tour con dimostrazioni ed esempi di artigianato storico. I visitatori possono anche voler visitare il centro storico David & Rachel Caldwell, a pochi chilometri dal Museo, ma comunque parte dell'esperienza storica di Greensboro. Il centro, che racconta la storia di un'importante coppia fondatrice, è anche un'indagine archeologica della città e di 18th vita del secolo.

4. Pianifica la tua visita


Situato nel centro della città, il Greensboro Historical Museum è comodamente accessibile e offre un parcheggio gratuito in due lotti adiacenti. Si consiglia ai visitatori di visitare il sito web del Museo per ulteriori informazioni su orari di visita, chiusure e vacanze in città. Il calendario degli eventi del Museo è anche elencato sul sito Web e comprende eventi speciali o mostre come Goulash e Ghost Stories nel Cimitero, Mese di storia femminile o Vacanze al Museo. Le attività per famiglie come la caccia al tesoro creano un'esperienza arricchente anche per i visitatori più giovani. Durante una visita al Museo, gli ospiti possono anche visitare l'International Civil Rights Centre & Museum, il Greensboro Cultural Center o la Greensboro Public Library, tutti situati nelle vicinanze. Un'abbondanza di negozi e ristoranti della zona completano la giornata nel centro di Greensboro.

Torna a: Le migliori cose da fare a Greensboro, Carolina del Nord.

130 Summit Ave., Greensboro, NC 27401, Telefono: 336-373-2043